S.Quirico d’Orcia, una città di passaggio…

agliastrodi Umberto Agliastro

A S.Quirico d’Orcia tutti di passaggio ad incominciare da Federico Barbarossa ad arrivare a Tazio Nuvolari, così i pellegrini della via Francigena chi a piedi, chi in bicicletta, chi in moto, chi in macchina. Di passaggio i campioni della Mille Miglia cui da poco è stato dedicato un ponte (S.Quirico d’Orcia è sempre stata sul percorso della Mille Miglia in tutte le sue edizioni). Di passaggio il turismo che trova sul territorio limitrofo tappe condivise. Così i molti camper e caravan che, grazie alla via Cassia, si trovano di passaggio. Ebbene si tutti di passaggio, ma poi vengono ripagati dalle bellezze che la cittadina offre sia artistiche, sia storiche, sia naturali. Con l’aggiunta , sabato 28 maggio, di prove nei giardini dedicati a Nilde Iotti di un gruppo di sbandieratori per una festa di Giugno, veramente bravi nei loro virtuosismi. Anche gli orari delle visite in giardini, chiese o musei tengono conto del turismo di passaggio. L’area camper, abbastanza distante dal centro, la raggiungiamo dopo le 18. Per il “servizio di sosta” pagamento di € 10, ma la macchina automatica chiede solo monete, niente carta moneta o carta di credito. Nessuna indicazione per un esercizio vicino che provvedesse al cambio-moneta, d’obbligo andare al centro.

Si ottiene la moneta, € 16, con il resto dato per due gelati (squisito il gusto di cassata fatta con ricotta del territorio e molto ospitale la titolare e la collaboratrice). La vicina sede del comune era vuota ed i pellegrini in bicicletta si servivano da soli dei depliants esposti in assenza di incaricati.

Tornando al camper, unico mezzo con due furgoni sul piazzale, scopriamo tra vetro e tergicristallo un foglio giallo ed uno bianco ! € 41 per divieto di sosta elevata alle ore 18,30 , a mo’ di “gratta e vinci” sconto 30% al pagatore virtuoso………così apprendiamo che nell’area specifica, il camperista è il solo che deve pagare la sosta pensando di pagare un servizio (sosta libera per bus, camion, macchine e moto). Una persona di passaggio sorride e scuote la testa: ” Che non le venga l’idea di ricorrere a Prefetto o Giudice di Pace, le costerebbe tempo e denaro !!”. Curiosa la tempestività del funzionario che ha elevato la contravvenzione, ( l’ora del cambio-moneta è sulla copia del cedolino dell’ottimo gelato). Un agente accertatore di passaggio? Chissà. Ai camperisti va detto del pessimo stato del carico e scarico per manutenzione inesistente e che il piazzale accoglie a sera decine di macchine per rumorose feste fino a mezzanotte (di certo la sera del 28 maggio). Un camper, con noi nella notte, al mattino non esponeva il cedolino di sosta (mancanza monete?) e non aveva la contravvenzione sul parabrezza, questo fino alle 9,30 circa.

S.Quirico d’Orcia, una città di passaggio dove torneremo, il gelato è veramente buono !!

Lascia un commento

*

*